Novembre 2017
 D  L  M  M  G  V  S
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30

Giardino della Tenuta di Fassia

Nel 1937 la tenuta di Fassia è acquistata dal Principe Mario Ruspoli che incarica l’arch. Nello Baroni di “riadattare” la villa e gli edifici annessi (la fattoria, la cappella, le stalle e le rimesse), mentre a Pietro Porcinai fu affidato il compito di riprogettare il parco e realizzare il giardino. Porcinai mantiene e consolida la struttura originaria del parco, ancora oggi chiaramente leggibile, utilizzando inserzioni "coraggiose" di spazi di matrice contemporanea (quali il roseto e le terrazze).

Il parco preesistente era costituito da un’area boschiva organizzata intorno ad un asse principale formato da un viale con duplice filare di cipressi, sottolineato da un cerchio conclusivo che, oltre la villa, si prolunga in un secondo viale erboso, molto suggestivo. L’asse principale é rinforzato dal viale di accesso (progettato da Porcinai) che riprende in modo speculare la traccia storica e termina con un cancello ed una esedra di cipressi (che ricordano il tema della Gamberaia).

Intorno alla Villa si sviluppa il giardino organizzato su diversi livelli dove si leggono quattro settori principali, caratterizzati dalla loro forma geometrica e dalla vegetazione regolare (topiarie). Il giardino, concepito come una serie di stanze che, messe in relazione con la villa dai vari percorsi (gradini e scale in pietra), sono provviste di terrazze e di belvedere da cui ammirare il paesaggio circostante.

... Leggi tutto >>


Proprieta': Privata

Foto del Parco/Giardino

Utilizzo

Il giardino di Villa Fassia è inserito in un contesto collinare, fuori dal centro urbano di Gubbio. In base a quanto indicato dalla Carta delle Unità Ambientali - paesaggistiche dell'Umbria, il giardino rientra nel Paesaggio Regionale "Eugubino" che comprende i territori definiti a oriente dai ripidi rilievi calcarei ed a occidente dai modesti rilievi collinari arenacei e marnosi, che racchiudono la vasta conca intermontana di Gubbio (pianura Eugubina).
L'area collinare su cui si sviluppa il giardino di Villa Fassia è caratterizzata da una costituzione
geologica a prevalenza di formazioni arenacee e marnoso-arenacee risalenti al Miocene,
Dallo studio della planimetria è evidente l'attenzione prestata dal progettista alla intercettazione delle visuali principali e alla costruzione di un sistema di relazioni visive e funzionali che si appoggia sul disegno preesistente, potenziandolo.
Il parco di villa Fassia appare come una collina boscata, sia provenendo da Perugia che da Gubbio percorrendo la strada statale n. 298 Eugubina che collega le due città.
In corrispondenza dello spiazzo della cantina sono ancora presenti i cedri e la Robinia pseudoacacia var. piramidalis voluti dal paesaggista, ma non è più visibile l'apertura visiva "a imbuto" verso Gubbio ed il Monte Ingino perché coperta dalla densa vegetazione sviluppatasi all'esterno del viale

Paesaggio Regionale: Eugubino
Contesto: Urbano

Foto del Paesaggio

Parco e/o giardino

Eccellenze

EPOCA DI REALIZZAZIONE: 1937-1945

Autore:  Pietro Porcinai

Altri autori: Architetto Nello Baroni, ragioniere Bettini, amministratore del
Principe Mario Ruspoli

Superfice: giardino/parco (m2) circa 2 Ha, possedimento: 500 Ha

Elementi caratterizzanti: il parco di villa Fassia appare come una collina
boscata, collocato sulla sommità di un piccolo crinale ai bordi sud
occidentali della conca di Gubbio.

Elementi compositivi: Il parco di villa Fassia appare come una collina boscata. Al suo interno è composto da una serie di viali e stanze verdi molto suggestive. Altri elementi compositivi interessanti sono: il roseto e il laghetto sul lato sud-est del parco denominato "laghetto delle ninfee".

Emergenze botaniche: Esemplari centenari di Cupressus sempervirens in corrispondenza dell'inizio del viale centrale, e la presenza di un leccio e un cedro, anch’essi secolari.

Stato di conservazione:
medio - buono

Apertura al pubblico: Si
Biglietto di ingresso: No
Accessibilita' ai disabili: No

Villa Fassia prende il nome dall’antico toponimo del luogo e richiama per il suo stile tipologie signorili toscane. L’edificio principale, costituito dalla casa padronale, si sviluppa su tre piani con una pianta a forma di T, la testata della quale è aperta in un loggiato. Il secondo stabile, in forma di corte, gli sorge accanto, richiamandone lo stile. Ospita la casa colonica, la scuderia e la cappella anticamente dedicata a S. Cristoforo.

L’edificio principale deve il suo disegno originario ad un progetto del XVIII secolo, ricostruito alla fine del XIX secolo, secondo il revival medievale tipico di quel periodo. 

Negli anni quaranta del XX secolo, quando venne acquistata dai proprietari attuali, fu ulteriormente rimaneggiata e raggiunse quel carattere di sobria eleganza che conserva tuttora. Alla costruzione preesistente venne aggiunto un intero corpo di fabbrica con il loggiato alla base.

 

Informazioni posteriori al progetto Porcinai

Il cambiamento di proprietà avvenuto negli anni 40 non ha avuto ripercussioni sull’impianto del giardino. Nel 2000, il Piano Urbanistico Territoriale indica Villa Fassia quale villa di particolare rilievo architettonico e paesaggistico.

Oggi la Tenuta Fassia è azienda agricola e struttura ricettiva. Una gestione orientata alla sostenibilità ambientale ha portato negli anni a mantenere e arricchire la naturale biodiversità floristica e faunistica dei luoghi.



Biglietto di ingresso: No
Accessibilita' ai disabili: No

Link: http://tenutadifassia.it/

Indirizzo: Via Santa Maria Maddalena 46
Localita': fassia
Citta': Gubbio
Comune: GUBBIO (PG)

Orari

Orari di Apertura: su richiesta


In Auto
In Aereo

In Treno
 Autobus linea urbana di Gubbio

Opinioni

Lascia un Messaggio

Nominativo *
Email *
Inserisci il codice di controllo riportato nell'immagine *
  Acconsento al trattamento dei dati personali
Decreto Legislativo 196/2003

 
 

News

Eventi

Foto/Video/Audio

Links

Documentazione

Pubblicazioni:
-Grifoni T., (a cura di) (2006), Natura, Scienza e Architettura. L'eclettismo nell'opera di Pietro Porcinai, Edizioni Polistampa pp 87-90

-Atti Ciclo di Seminari svoltesi dal 30 gennaio al 20 marzo 2001 su: Pietro Porcinai: Architetto del giardino e del paesaggio. Facoltà di Agraria dell’Università degli Studi di Perugia. Edito dal Centro Stampa della Provincia di Perugia nel 2002. Disponibile Presso Archivio Facoltà di Agraria, A. Standardi e Dr P. Di Bianco.   
- Sannipoli G., Rossi L., Cece F., 2010. Rossi: Storia di un archivio fotografico. Edizioni Media Video srl, Gubbio (PG). ISBN 978-88-95747-03-3 (Stampato da Litograf Editor – Città di Castello – dicembre 2010). Disponibile presso Archivio Villa Fassia. 

< Torna indietro

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

X